E’ l’ora del rispetto, contro la violenza

(Riccione, 11 aprile) In corteo per dire no alla violenza sulle donne e all’odio contro i deboli e i “diversi”. Perché la scuola può fare molto per costruire relazioni di qualità, fondate sul rispetto della persona e su un confronto alla pari, che saranno la forza delle donne e degli uomini di domani. Oltre 1.200 ragazzi e ragazze