Medicina di genere, passi avanti in Regione

“La medicina di genere è entrata fra gli obiettivi della Sanità della Regione Emilia-Romagna con la legge quadro per la parità e contro le discriminazioni di genere (L.R. 6/2014), che all’art. 10 individua nel Piano sociale e sanitario il principale strumento per realizzare parità di trattamento e di accesso alle cure con particolare riguardo alle

Salute donna, approccio emiliano in Lombardia

(Mantova, 10 novembre 2016) La salute della donna riscuote sempre maggiore interesse e attenzione scientifica, come dimostra anche la nascita della rivista The Italian Journal of Gender Specific Medicine. Ringrazio la redazione per aver ospitato nell’ultimo numero una mia intervista, che potete leggere a pagina 85. Di questi temi ho avuto modo di parlare all’Università

Con UDI per la prevenzione e salute femminile

(COMUNICATO Bologna, 26 settembre 2016) Con un messaggio indirizzato ai gruppi UDI Emilia-Romagna e alla presidente bolognese Katia Graziosi, la consigliera PD e presidente della Commissione Parità e Diritti delle persone, Roberta Mori, esprime il suo sostegno alla mobilitazione “Adesso basta” che, nella Giornata mondiale sulla contraccezione, vede la storica ‘Unione Donne in Italia’ impegnata

La medicina di genere in oncologia

(Meldola, 31 maggio 2016) Le differenze tra i due sessi a livello biologico, psicologico, culturale e sociale, svolgono un ruolo significativo anche nella cura dei tumori. Per approfondire il tema la Federazione Italiana Arti Professioni Affari (FIDAPA) sezione Forlì, in collaborazione con l’Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori (IRST) IRCCS,

Un approccio di genere alla sclerosi multipla

(Parma, 28 maggio 2016) Importante il convegno di approfondimento sulla sclerosi multipla dell'Azienda Usl parmense in collaborazione con l'associazione Medicina Europea di Genere. Si è trattato con grande competenza di questa invalidante malattia del sistema nervoso centrale, prima causa di disabilità nelle persone giovani, che colpisce più le donne che gli uomini con un rapporto

Salute e diritti delle donne 70 anni dopo

(Medolla, 15 maggio 2016) Una domenica pomeriggio alternativa e stimolante quella che ho trascorso al Circolo PD di Medolla, dove abbiamo tenuto l’iniziativa dal titolo “Parità e condivisione delle responsabilità sociali, i diritti delle donne 70 anni dopo”. Grazie per l’invito a Carlotta Casacci che ha moderato il confronto, presenti l’addetta stampa del Gruppo PD

Medicina di genere. Conferenza stampa a Roma

Presentata a Montecitorio una proposta di legge nazionale sulla medicina di genere. Roberta Mori: “In Emilia-Romagna abbiamo assunto il principio dell’appropriatezza della cura con la legge quadro per la parità, ora va realizzato nei Piani sanitari.” (Comunicato stampa ROMA, 10 MAG 2016) Gli uomini e le donne sono diversi anche nel modo di ammalarsi e

Salute Donna, la prevenzione fa la differenza!

(Guastalla, 24 aprile 2016) Sono 174 le strutture sanitarie in Italia che hanno aderito alla (H)Open week dell'Osservatorio sulla salute della donna (Onda), cioè gli screening gratuiti per la prevenzione lanciati nell’ambito della Giornata nazionale per la salute femminile. Tra gli aderenti il reparto di Cardiologia dell’Ospedale Civile di Guastalla, che è rimasto aperto al

Il diritto alla salute non è negoziabile

(Scandiano, 6 aprile 2016) Ho partecipato ad un incontro pubblico in Sala consiliare su "Medicina di genere: prevenzione e appropriatezza", promosso da AUSER, SPI-CGIL, il coordinamento donne di CISL Pensionati e Università del Tempo libero. Un’altra preziosa occasione di approfondimento dell'art. 10 della legge quadro per la parità che introduce la medicina di genere in

La prima Rivista scientifica sulla Medicina di genere

“È con grande piacere che presentiamo il primo numero dell’Italian Journal of Gender-Specific Medicine, la prima e unica rivista scientifica di “genere” in Italia. Il progetto, cui ha lavorato per quasi un anno Il Pensiero Scientifico Editore con la collaborazione incondizionata di Novartis, vuole contribuire a un maggiore sviluppo e diffusione di una cultura della