Parità. Elette e Regione a confronto per un’autonomia conquistata

(Bologna, 17 luglio) Un milione di euro messi a disposizione dalla Regione Emilia-Romagna per sostenere progetti che facilitano l’accesso delle donne al mondo del lavoro e i loro percorsi di carriera, per un’occupazione femminile di qualità. Ad annunciare i contenuti del bando 2019-2020, che è in uscita in attuazione del Piano regionale per la prevenzione

Multiculturalismo nelle politiche pubbliche

(Bologna) Nella Cappella Farnese del Comune si è tenuto un convegno importante, "Migrazione, integrazione e politiche pubbliche", promosso dall'Organizzazione Marocchina per lo sviluppo, la solidarietà e i diritti in Italia (OMSSDI). Hanno aperto i lavori l’assessore Matteo Lepore e, per la Regione, la vicepresidente Elisabetta Gualmini. Rilevanti poi le presenze di Nabil Benabdallah -Segretario generale

Passi avanti per la cura efficace

(Bologna, 17 novembre) Correva l’anno 2014 quando l’Assemblea dell’Emilia-Romagna introduceva la medicina di genere approvando l’art. 10 della legge quadro per la parità e contro le discriminazioni di genere (L.R. 6/2014) a cui poi sarebbe seguito l’indirizzo nazionale in vigore dal febbraio 2018 e l’inserimento di questo approccio di equità nella programmazione socio-sanitaria 2017-2020 della

Cantieri aperti e trasparenti per la parità

(3 ottobre) La Commissione Parità e Diritti delle Persone ha designato la sua presidenza quale rappresentante nel nucleo di valutazione del Premio “ER.Rsi Innovatori responsabili”. A differenza dello scorso anno, il bando di concorso 2018 della Regione che valorizza i progetti di responsabilità sociale delle imprese, scaduto a fine settembre, prevede anche l’assegnazione del Premio

Rappresentanze femminili, “leva” di lavoro e sviluppo

(COMUNICATO Bologna, 6 luglio 2018) Il Coordinamento del Gruppo Terziario Donna di Confcommercio Emilia Romagna ha incontrato, in occasione del Consiglio Direttivo l’avv. Roberta Mori, presidente della Commissione Parità e Diritti delle Persone dell’Assemblea legislativa e della Conferenza regionale delle Elette, l’organismo introdotto dalla legge quadro regionale per la parità e contro le discriminazioni di

Parità. Al via il Tavolo che coordinerà le azioni

(Bologna) Il Tavolo regionale permanente per le politiche di genere, organismo consultivo e di coordinamento operativo tra le varie istituzioni locali e regionali, associazioni e categorie, è stato riunito dall’assessora Emma Petitti in attuazione della legge quadro per la parità. Il Tavolo non si sovrappone ma completa il quadro di strumenti paritari introdotti dalla legge

Inarrestabili contro i femminicidi

Ringrazio il Carlino di Reggio Emilia per questa intervista a commento di un altro episodio di violenza maschile contro una donna. La cronaca locale e nazionale ci consegna con drammatica frequenza casi di femminicidio e violenza domestica, spesso con minori presenti ad assistere, vittime ulteriori di una ferocia che mai più dovrà avere scusanti di “raptus”

Gli strumenti per superare la violenza maschile

(Ravenna) L’iniziativa organizzata dal Circolo PD D’Attorre arriva al punto sin dal titolo: “Trasformiamo il modello socioculturale maschile per contrastare la violenza sulle donne”. Ne abbiamo ragionato con la neo deputata del Partito Democratico Lucia Annibali, con l’assessora regionale pari opportunità Emma Petitti, il consigliere della Commissione Parità Gianni Bessi e Mirella Dal Fiume della

Siglato il Patto di Modena, la nostra alleanza si estende

(Modena, 8 marzo) COMUNICATO STAMPA «Per affermare a pieno i diritti delle donne c’è ancora tanto da fare. È una battaglia faticosa che continueremo a portare avanti insieme, anche all’interno delle istituzioni, perché superare le discriminazioni di genere significa lottare contro ogni discriminazione». Lo ha affermato Roberta Mori, presidente della Commissione per la parità e