Ancora un attacco derisorio nei confronti di una donna, ancora odio indiscriminato contro il pensiero femminista e democratico, ancora il tentativo di distorcere la storia su cui è fondata la libertà in Italia e in Europa. Casapound, ossia un’organizzazione che rivendica le proprie posizioni fasciste e non a caso sotto inchiesta da ultimo per l’apologia al fascismo di Acca Larentia, continua a propagandare odio verso il movimento Resistenziale al nazifascismo, senza alcun limite di decenza, neppure quello di evitare l’uso politico strumentale degli stupri e della violenza sulle donne.

Paola Cortellesi, insignita proprio in questi giorni della Lupa Capitolina dal Sindaco di Roma Gualtieri, ha portato alla Luiss un intervento di svelamento di stereotipi sessisti ancora diffusi a scapito della parità, della dignità e integrità femminile e per questo va solo apprezzata. È evidente che la sua prima “colpa”, secondo Casapound, è di aver ricordato a milioni di italiani e italiane il sacrificio delle donne e il significato profondo della Costituzione repubblicana e antifascista attraverso il suo bellissimo film. Rifiutiamo con indignazione, come Democratiche e come cittadine, l’utilizzo da parte di chiunque delle violenze sulle donne per pura propaganda, rigettiamo con forza il tentativo di organizzazioni neo fasciste di alimentare la cultura del sopruso e della sopraffazione incarnata da regimi che hanno negato alle donne ogni diritto e libertà di essere.

VEDI LA NOTIZIA.