(16 settembre 2023) Una tre-giorni a Gambettola per la 2a edizione nazionale di Carnevali in Festa ha confermato la voglia e la determinazione di continuare ad offrire carri e sfilate, spettacolo, cultura popolare ed eventi unici. L’evento ha sviluppato un bel dialogo tra istituzioni e associazioni carnevalizie sia dell’Emilia-Romagna che del Paese, con scambi di saperi ed esperienze, ma soprattutto di nuove idee per il futuro. Perché questi “attori strategici” del divertimento, portatori di una tradizione secolare, si stanno già rinnovando e formando giovani generazioni di appassionati creativi e artigiani.

Presso il Teatro cittadino ho partecipato ad un confronto pubblico, moderato da Daniele Baronio, tra rappresentanti delle varie comunità carnevalizie e la Regione Emilia-Romagna, presente anche il responsabile settore Attività culturali e giovani, dott. Gianni Cottafavi. La Legge regionale per i Carnevali storici di cui sono stata relatrice oggi è attuata con l’Albo che li riunisce e con bandi periodici di sostegno, ma più che un punto di arrivo e riconoscimento doveroso, rappresenta un punto di partenza per il futuro del settore, un concreto incentivo a non perdere stimoli, passioni e tradizioni da rinnovare. La nostra Regione ha deciso di accompagnare e valorizzare il lavoro delle comunità sedi dei Carnevali Storici, un lavoro prezioso fatto in gran parte di volontariato e di grande sapienza artigianale, scenografica, costumistica che dura tutto l’anno.

Il portale della Regione dedicato all’Albo dei Carnevali storici restituisce la ricchezza anche immateriale di attività che comprendono studio, ricerca, laboratori e formazione, allestimento e gestione di luoghi museali aperti al pubblico. Se i contributi già messi a bando sono segno tangibile di un’attenzione alle comunità carnevalizie che avrà seguito concreto, la Regione accompagnerà anche il protagonismo di molti organizzatori e Comuni per sviluppare strategie promozionali e operazioni di marketing in rete con i Carnevali nazionali, nella consapevolezza che questa forma di cultura popolare reca un potenziale importante sotto molti profili, dalla ricaduta turistica a quella sociale e di appartenenza. Grazie di cuore alla Sindaca Maria Letizia Bisacchi, a tutte e tutti coloro che animano la Bottega del Carnevale e a Gambettola Eventi per l’ospitalità.