(1 aprile 2022) – Ho partecipato al viaggio inaugurale del nuovo elettrotreno ETR 350 sulla linea Reggio Emilia-Ciano d’Enza, un passo avanti verso la transizione ecologica e la mobilità green nella provincia. Entro il 2022 sarà infatti completata l’elettrificazione di tutte le linee reggiane, grazie ad un investimento di 30 milioni di euro che metterà in pensione i treni diesel.

L’attivazione di treni ecologici e tecnologicamente all’avanguardia rappresenta un contributo concreto al miglioramento della qualità dell’aria nei nostri territori oltre che all’efficienza, alla sicurezza e comodità per i passeggeri in gran parte pendolari. Il piano regionale ferroviario, realizzato in collaborazione con Fer, prevede che dopo le linee reggiane Reggio-Guastalla-Suzzara e Reggio-Sassuolo sarà elettrificata entro il 2023 la linea completa Parma-Suzzara, attraverso i fondi provenienti dal Pnrr (con 58 milioni stanziati). Successivamente diventerà elettrica anche la linea Ferrara-Codigoro, ad aggiungersi alle tratte già ammodernate e percorse da treni ecologici che collegano i territori di Bologna, Modena e Bassa ferrarese.

Intanto si parte proprio da oggi con le otto corse giornaliere del treno ETR350 sui 24 km che collegano Ciano d’Enza al capoluogo, un investimento da 6,5 milioni che ha dato e darà i suoi frutti. Presenti all’inaugurazione tra gli altri l’assessore regionale alla mobilità Andrea Corsini, l’assessore all’agricoltura Alessio Mammi, i vertici di Fer, colleghe e colleghi consiglieri reggiani.