(Zola Predosa) Le cooperative emiliano-romagnole possono svolgere un ruolo da protagonista nei servizi di prevenzione e contrasto alla violenza sulle donne, intervenendo in tutte le fasi del percorso in rete con gli altri attori pubblici e privati del territorio. Oltre il 90% ha già messo in atto queste attività, un terzo ha strutturato servizi interni, mentre l’80% svolge periodicamente analisi del clima organizzativo per facilitare la raccolta di segnalazioni. Ringrazio Barbara Marastoni e la responsabile commissione dirigenti Cooperatrici Anna Piacentini di Confcooperative per avermi invitato alla presentazione pubblica di “VIEW. Violenza, Impresa e Welfare. Il ruolo della cooperazione per l’uguaglianza di genere e l’empowerment femminile”, ricerca realizzata su un campione di 100 cooperative attive in svariati settori produttivi. “Più forti insieme” il titolo, ma soprattutto l’impegno responsabile di Confcooperative Emilia-Romagna, che ha chiamato all’evento anche il suo presidente Francesco Milza e l’assessora regionale alle pari opportunità Emma Petitti.

Senza le donne in questa regione non ci sarebbe cooperazione poiché rappresentano il 64% degli 80.000 lavoratori delle cooperative, con 1.700 consigliere di amministrazione (22%) e 331 cooperative a governance femminile (20%), cresciute del 3% negli ultimi due anni. 115 cooperative sono femminili al 100%. Un obiettivo comune è la nascita di una rete regionale di coop che supporti percorsi privilegiati di accesso e reinserimento lavorativo per le donne vittime di violenza, facilitando anche la permanenza della donna in azienda con politiche di conciliazione famiglia-lavoro. Indispensabile la collaborazione con le Istituzioni pubbliche e gli altri soggetti privati attivi nel contrasto alla violenza sulle donne, per questo Confcooperative ha sottoscritto l’Accordo regionale con i sindacati il 16 aprile 2018 e contribuisce alle attività dell’Osservatorio regionale sulla violenza di genere.

Come emerge dalla ricerca, la cooperazione si conferma tra i modelli di impresa più efficaci nel dare attenzione alle lavoratrici (nella maggior parte dei casi anche socie) e questo è fondamentale per realizzare progettualità volte a contrastare le molestie e le violenze sulle donne. Lo confermano, ad esempio, la presenza di numerose cooperative che erogano servizi per l’accoglienza e il sostegno ai familiari, che si occupano dell’inserimento lavorativo delle donne, che propongono forme mirate di microcredito per favorire l’autonomia femminile, oppure di cooperative fondate da donne maltrattate che si sono unite per essere più forti insieme. Sul fronte dei servizi di prevenzione e contrasto alla violenza sulle donne, dalla ricerca emerge che solo il 25% degli intervistati ritiene che in caso di molestia sul posto di lavoro la cooperativa non saprebbe come affrontare il problema, mentre l’80% conferma che all’interno dell’impresa sono state svolte analisi del clima organizzativo per facilitare la raccolta di segnalazioni. Il 30% sottolinea la presenza di servizi interni alle cooperative di supporto per casi di molestie e violenza. Tra le priorità espresse c’è la necessità – evidenziata nel 63% dei casi – di avviare percorsi informativi per sensibilizzare i dipendenti, insieme a percorsi di formazione per amministratori, dirigenti, soci, dipendenti e collaboratori delle cooperative. L’80% ritiene utile l’attivazione di uno sportello di ascolto e supporto psicologico, il 73% di uno sportello legale e l’83% di un servizio di mediazione culturale. Meno richiesti, invece, i corsi di difesa e crescita personale (53%). Inoltre, il 91% dichiara che la propria cooperativa ha già svolto attività di questo tipo, il 52% ritiene che si debbano implementare iniziative di sensibilizzazione interne, il 24% ritiene fondamentale una mappatura puntuale dei servizi che possono essere offerti. Tra le azioni che le cooperative potrebbero implementare ulteriormente, ci sono quelle di accompagnamento e orientamento al lavoro (71%), di sostegno alla genitorialità (47%), accoglienza residenziale (46%), consulenza psicologica (41%), assistenza durante la presa in carico (30,8%), assistenza medica (14,5%). Infine, oltre il 95% degli intervistati ritiene che Confcooperative Emilia Romagna possa supportare il disegno dei servizi di prevenzione e contrasto alla violenza sulle donne, creando una rete regionale di cooperative per lavorare in un’ottica integrata e multidisciplinare, in sinergia con gli attori pubblici e privati.