Vasto_CNA_manifesto(Vasto, 5 maggio) Non è affatto facile essere imprenditrice quando il sistema di Welfare è debole e scarica di fatto sulle famiglie, sulle donne, tanta parte del lavoro di cura. Per indagare sulle sperequazioni esistenti e individuare le tutele che mancano, un Convegno di CNA Abruzzo ha fatto il punto a livello regionale e nazionale, con la partecipazione di Ignazio Angioni, proponente in Senato del disegno di legge sul caregiver familiare, della Sottosegretaria alla Giustizia Federica Chiavaroli e della presidente nazionale CNA Impresa Donna, Paola Sansoni. Sono stata invitata a illustrare le nostre politiche di incentivo e premialità all’imprenditoria femminile e il contesto nel quale è maturata una normativa avanzata e “apripista” qual è la legge 2/2014 dell’Emilia-Romagna di riconoscimento dei caregiver. E’ intervenuta dall’Emilia anche Lalla Golfarelli presidente dell’associazione CARER, che ha un ruolo importante di promozione e contributo alle Linee guida regionali di attuazione della legge.

Vasto_CNA_relatrici_5mag17La CNA ha annunciato una ricerca, realizzata in collaborazione con l’Università di Roma per dare una dimensione al fenomeno delle imprenditrici che scelgono, o meglio sono costrette, a chiudere l’azienda per dedicarsi alla famiglia, che siano figli piccoli o persone adulte e anziane non autosufficienti. Tra le misure ritenute utili per conciliare impresa e lavoro di cura, vi è la deducibilità e detraibilità al 100% delle somme spese per baby sitter o badanti, così da offrire sostegno fiscale e far emergere lavoro nero nonché nuove forme di imprenditorialità nel settore dell’assistenza familiare. L’Italia è addirittura al primo posto in Europa per numero di donne impegnate nel mondo imprenditoriale: è davvero ora che si superi il gap in materia di diritti e tutele liberando le potenzialità femminili a contributo dello sviluppo del Paese. Grazie a Letizia Scastiglia Direttrice CNA di Chieti per il coordinamento, alla presidente CNA Abruzzo Luciana Ferrone e al Sindaco di Vasto per il suo intervento di saluto.