Boorea_3dic14(Correggio, 3 dicembre 2014) Ancora un grande successo, centinaia di commensali e tanti volontari del Salone delle Feste e di AUSER per la Grande Cena organizzata come ogni anno dalla cooperativa Boorea. Un appuntamento che si arricchisce dei sapori di chef rinomati che si mettono al servizio della solidarietà. L’incasso è destinato a due progetti di cooperazione internazionale, per l’ospedale di Ambokala del Centro Missionario Diocesano in Madagascar, e per finanziare l’attività gestita dalla ong GVC contro la tratta degli esseri umani in Cambogia. Una parte dei fondi va anche alla parrocchia di Reggiolo e all’Asilo Sacro Cuore di Finale Emilia, per completarne la ricostruzione.

Il merito di Boorea è di mettere assieme il mondo cooperativo, associativo, sindacale e le istituzioni, su progetti molto seri e concreti. Non solo la solidarietà non ha limiti o confini, ma sostenere i diritti umani e il benessere nei Paesi più poveri ristabilisce un equilibrio mondiale necessario, per la pace e la coesione sociale. Si tratta di un principio di civiltà e – aggiungo – di una strategia politica lungimirante che tutti i governi dovrebbero condividere, compresa la prossima Giunta della Regione Emilia-Romagna, che auspico continui ad investire risorse e professionalità nella cooperazione internazionale, nello sviluppo sostenibile e in uno scambio tra culture che sarà una ricchezza anche nostra.