(Bologna, 27 marzo 2013) Commissione congiunta Parità e Scuola Cultura oggi per l’audizione di Aterballetto, rappresentata dal presidente Fabrizio Montanari, dalla vicepresidente Maria Merelli e dal direttore Giovanni Ottolini. Al termine, abbiamo deciso di presentare una Risoluzione che impegni la Giunta su tre aspetti: ottenere dal Governo la valenza nazionale della Fondazione, sviluppare le sue collaborazioni con le programmazioni dei Teatri stabili dell’Emilia-Romagna e garantire finanziamenti regionali adeguati alle diverse e rilevanti attività svolte.

La Fondazione nazionale della Danza infatti, che vede fra i propri soci la Regione e il Comune di Reggio Emilia, non solo produce grandi spettacoli di danza contemporanea, ma collabora con gli istituti scolastici per formare docenti, ampliare la platea del pubblico interessato, intercettare i talenti e sviluppa anche eventi multimediali (musica, fotografia) presso la sede della Fonderia di Reggio Emilia. Basti dire che le attività educative promosse hanno raggiunto nel 2012 circa seimila studenti. Tra gli impegni che chiederemo alla Giunta vi sarà dunque il riconoscimento concreto dell’originale lavoro educativo e culturale portato avanti dalla Fondazione, volto a valorizzare le attitudini delle ragazze e dei ragazzi, contrastando gli stereotipi di genere e le discriminazioni ancora oggi presenti in questo ambito artistico. Anche i commissari intervenuti hanno espresso la convinzione che vada sostenuta la vocazione socio-educativa di questa eccellenza artistica, unanimemente riconosciuta, che l’anno scorso ha allestito 93 spettacoli:35 in regione (23 in teatri e 12 pressola Fonderia), 33 nel resto d’Italia e 25 all’estero.