(Lugo di Romagna, 30 ottobre 2012) Penultima tappa del calendario di visite della Commissione Parità presso le sedi di tutti i centri antiviolenza dell’Emilia-Romagna, per un confronto diretto sia sulle attività svolte nei territori, sia sul progetto di una nuova normativa regionale che rafforzi diritti e opportunità delle donne. Ieri eravamo a Lugo di Romagna, dove abbiamo incontrato le operatrici del centro antiviolenza Demetra-Donne in aiuto, la presidente Nadia Somma, il sindaco di Massa Lombarda e responsabile politiche educative per l’Unione dei Comuni Bassa Romagna Linda Errani e Ombretta Toschi, assessora P.O. del Comune di Lugo.

Attivo dal 2005 il Centro presta servizio di ascolto e di consulenza psicologica e legale alle donne vittime di violenze e maltrattamenti. I colloqui vengono fatti nel rispetto dell’anonimato e della segretezza, e nessuna iniziativa viene presa senza il consenso della donna. Le operatrici dell’associazione “Demetra-Donne in aiuto” hanno realizzato e seguono, inoltre, diversi progetti: l’ospitalità in emergenza, i gruppi di aiuto LiberaMente, il sostegno ai minori vittime di violenza e alla genitorialità, lo Sportello Lavoro per l’inserimento lavorativo delle donne che vogliono riconquistare la loro autonomia.

Per corrispondere ai bisogni purtroppo crescenti, l’associazione vorrebbe rafforzare il proprio impegno, a cominciare da un orario più ampio di apertura, obiettivo reso difficile dai tagli al welfare che penalizzano tutti i servizi sociali compresi i centri antiviolenza. A conclusione dell’incontro, la presidente Somma ha valutato positivamente il percorso della Commissione Parità volto a valorizzare le attività e portare a sintesi le esigenze dei territori, utile ad una legge regionale quadro sulle politiche di genere.