(Bologna, 17 maggio 2012) Nell’ambito del patto di stabilità regionale, la Regione Emilia-Romagna ha sbloccato altri 21 milioni di euro che potranno essere impiegati dalle amministrazioni locali per pagare i fornitori, dei quali 1.780.822,27 euro saranno disponibili per i Comuni reggiani. Grazie ad una delibera approvata dalla Giunta, 27 Comuni del nostro territorio avranno un po’ di ossigeno: con risorse proprie, che altrimenti sarebbero rimaste bloccate ed inutilizzabili, gli enti locali potranno pagare fornitori e investimenti, e in questa maniera sosterranno il lavoro e le imprese, messe a durissima prova dalla crisi che stiamo vivendo. Solo per il Comune di Reggio Emilia sono stati sbloccati 833.730,60 euro. La crisi economica ha imposto un atteggiamento di rigore, ma noi continuiamo a chiedere che il rigore sia accompagnato da provvedimenti concreti in favore della crescita, a livello locale come nazionale. La  nostra Regione dimostra ancora una volta di essere a fianco degli enti locali, per valorizzare il loro lavoro.

Di seguito il dettaglio delle risorse sbloccate per i singoli Comuni di Reggio Emilia

Comune di Albinea 27.913,65; Comune di Bagnolo in Piano 20.633,29; Comune di Bibbiano 15.338,31; Comune di Boretto 19.209,16; Comune di Brescello 29.398,42; Comune di Cadelbosco di Sopra 15.120,19; Comune di Campagnola Emilia 22.925,04; Comune di Campegine 6.127,27; Comune di Casalgrande 83.152,94; Comune di Castelnovo di Sotto 4.434,13; Comune di Castelnovo ne’ Monti 39.020,63; Comune di Cavriago 4.825,64; Comune di Fabbrico 6.990,64; Comune di Gattatico 12.720,56; Comune di Gualtieri 31.468,84; Comune di Guastalla 43.781,62; Comune di Luzzara 72.758,21; Comune di Montecchio Emilia 43.681,79; Comune di Novellara 58.384,57; Comune di Poviglio 28.808,64; Comune di Quattro Castella 92.099,67; Comune di Reggio nell’Emilia 833.730,60; Comune di Rio Saliceto 10.764,96; Comune di Rubiera 35.320,63; Comune di San Polo d’Enza 6.385,68; Comune di Sant’Ilario d’Enza 41.994,61; Comune di Scandiano 173.832,58 euro.